coronavirus

Gli esseri umani hanno combattuto contro i virus da prima che la nostra specie si fosse evoluta nella sua forma moderna. Per alcune malattie virali, i vaccini e i farmaci antivirali ci hanno permesso di impedire la diffusione delle infezioni e hanno aiutato i malati a riprendersi. Per una malattia, il vaiolo, siamo stati in grado di debellarla, liberando il mondo da nuovi casi.

Ma siamo molto lontani dal vincere la lotta contro i virus. Negli ultimi decenni, diversi virus sono passati dagli animali agli esseri umani e hanno innescato epidemie considerevoli, causando migliaia di vite. Il ceppo virale che ha causato l' epidemia di Ebola del 2014-2016 in Africa occidentale uccide fino al 90% delle persone che infetta, rendendolo il membro più letale della famiglia Ebola .

Ma ci sono altri virus là fuori che sono ugualmente mortali, e alcuni ancora più letali. Alcuni virus, incluso il nuovo coronavirus che sta attualmente guidando epidemie in tutto il mondo, hanno tassi di mortalità inferiori, ma rappresentano ancora una seria minaccia per la salute pubblica poiché non abbiamo ancora i mezzi per combatterli. 

Ecco i 12 peggiori assassini, in base alla probabilità che una persona muoia se viene infettata da uno di loro, al numero enorme di persone che hanno ucciso e se rappresentano una minaccia crescente.

 

Virus di Marburg

virus Marburg

Gli scienziati hanno identificato il virus Marburg nel 1967, quando si sono verificati piccoli focolai tra i lavoratori di un laboratorio in Germania dopo essere stati esposti a scimmie infette importate dall'Uganda. Il virus di Marburg è simile all'Ebola in quanto entrambi possono causare febbre emorragica, il che significa che le persone infette sviluppano febbre alta e sanguinamento in tutto il corpo, che possono portare a shock, insufficienza d'organi e morte.

Il tasso di mortalità nel primo focolaio è stato del 25%, ma è stato superiore all'80% nell'epidemia del 1998-2000 nella Repubblica Democratica del Congo, così come nell'epidemia del 2005 in Angola (dati dell'Organizzazione mondiale della sanità OMS) . 

 

Virus Ebola

virus Ebola

I primi focolai di Ebola conosciuti negli esseri umani si sono verificati contemporaneamente nella Repubblica del Sudan e nella Repubblica Democratica del Congo nel 1976. L'ebola si diffonde attraverso il contatto con sangue o altri fluidi corporei, o tessuti di persone o animali infetti. Elke Muhlberger, esperta di virus Ebola e professore associato di microbiologia presso la Boston University, dice che I ceppi conosciuti variano notevolmente nella loro mortalità.

Un ceppo, Ebola Reston, non fa nemmeno ammalare le persone. Ma per il ceppo Bundibugyo, il tasso di mortalità è fino al 50%, ed è fino al 71% per il ceppo sudanese, secondo l'OMS. L'epidemia in corso in Africa occidentale è iniziata all'inizio del 2014 ed è l'epidemia più grande e complessa della malattia fino ad oggi, secondo l'OMS.
 

Rabbia

virus Rabbia

Sebbene i vaccini antirabbici per animali domestici, introdotti negli anni '20, abbiano contribuito a rendere la malattia estremamente rara nel mondo sviluppato, questa condizione rimane un grave problema in India e in alcune parti dell'Africa.

"Distrugge il cervello, è una malattia davvero, davvero brutta", ha detto Muhlberger. "Abbiamo un vaccino contro la rabbia e abbiamo anticorpi che funzionano contro la rabbia, quindi se qualcuno viene morso da un animale rabbioso possiamo curare questa persona".

Tuttavia, ha detto, "se non ti sottoponi a cure, c'è il 100% di possibilità che tu muoia".

Potrebbe interessarti anche questo articolo correlato

 

HIV

virus HIV

Nel mondo moderno, il virus più mortale di tutti potrebbe essere l'HIV. È ancora il killer più letale.

Si stima che 32 milioni di persone siano morte di HIV da quando la malattia è stata riconosciuta per la prima volta all'inizio degli anni '80. La malattia infettiva che in questo momento ha il più grande tributo per l'umanità è l'HIV.

Potenti farmaci antivirali hanno permesso alle persone di vivere per anni con l'HIV . Ma la malattia continua a devastare molti paesi a basso e medio reddito, dove si verifica il 95% delle nuove infezioni da HIV. Quasi 1 adulto su 25 all'interno della regione africana dell'OMS è sieropositivo, rappresentando oltre due terzi delle persone che vivono con l'HIV nel mondo.

 

Vaiolo

virus Vaiolo

Nel 1980, l'Assemblea mondiale della sanità ha dichiarato il mondo libero dal vaiolo . Ma prima di allora, gli esseri umani hanno combattuto il vaiolo per migliaia di anni e la malattia ha ucciso circa 1 su 3 di coloro che ha infettato. Ha lasciato i sopravvissuti con cicatrici profonde e permanenti e, spesso, cecità.

I tassi di mortalità erano molto più alti nelle popolazioni al di fuori dell'Europa, dove le persone avevano pochi contatti con il virus prima che i visitatori lo portassero nelle loro regioni. Ad esempio, gli storici stimano che il 90% della popolazione nativa delle Americhe sia morta a causa del vaiolo introdotto dagli esploratori europei. Solo nel XX secolo, il vaiolo ha ucciso 300 milioni di persone.

Era qualcosa che aveva un enorme fardello sul pianeta, non solo la morte ma anche la cecità, e questo è ciò che ha spinto la campagna per sradicare dalla Terra il vaiolo.

Potrebbe interessarti anche questo articolo correlato

 

Hantavirus

virus Hantavirus

La sindrome polmonare da Hantavirus (HPS) ha ottenuto per la prima volta ampia attenzione negli Stati Uniti nel 1993, quando un giovane uomo Navajo in buona salute e la sua fidanzata che vivevano nell'area dei Four Corners degli Stati Uniti morirono pochi giorni dopo aver sviluppato mancanza di respiro. Pochi mesi dopo, le autorità sanitarie hanno isolato l'hantavirus da un topo cervo che viveva nella casa di una delle persone infette. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, più di 600 persone negli Stati Uniti hanno ora contratto la HPS e il 36% è morto a causa della malattia.

Il virus non viene trasmesso da una persona all'altra, piuttosto, le persone contraggono la malattia dall'esposizione agli escrementi di topi infetti .

In precedenza, un diverso hantavirus ha causato un'epidemia all'inizio degli anni '50, durante la guerra di Corea, secondo un articolo del 2010 sulla rivista Clinical Microbiology Reviews. Più di 3.000 soldati furono infettati e circa il 12% di loro morì.

Mentre il virus era nuovo per la medicina occidentale quando è stato scoperto negli Stati Uniti, i ricercatori si sono resi conto in seguito che le tradizioni mediche dei Navajo descrivono una malattia simile e collegano la malattia ai topi.

 

Influenza

virus Influenza

Secondo l'OMS, durante una tipica stagione influenzale, fino a 500.000 persone in tutto il mondo possono morire a causa della malattia. Ma occasionalmente, quando emerge un nuovo ceppo influenzale, si verifica una pandemia con una più rapida diffusione della malattia e, spesso, tassi di mortalità più elevati.

La pandemia influenzale più mortale, chiamata anche influenza spagnola, iniziò nel 1918 e ammalò fino al 40% della popolazione mondiale, uccidendo circa 50 milioni di persone.

"Penso che sia possibile che qualcosa come l'epidemia di influenza del 1918 possa verificarsi di nuovo", ha detto Muhlberger. "Se un nuovo ceppo influenzale trovasse la sua strada nella popolazione umana e potesse essere facilmente trasmesso tra gli esseri umani e causasse una grave malattia, avremmo un grosso problema".

 

Dengue

virus Dengue

Il virus della dengue è apparso per la prima volta negli anni '50 nelle Filippine e in Thailandia e da allora si è diffuso nelle regioni tropicali e subtropicali del globo. Fino al 40% della popolazione mondiale ora vive in aree in cui la dengue è endemica, e la malattia, con le zanzare che la trasportano, è probabile che si diffonda più lontano con il riscaldamento del mondo.

Secondo l'OMS, la dengue ammala da 50 a 100 milioni di persone all'anno. Sebbene il tasso di mortalità per la febbre dengue sia inferiore rispetto ad altri virus, al 2,5%, il virus può causare una malattia simile all'Ebola chiamata febbre emorragica dengue e quella condizione ha un tasso di mortalità del 20% se non trattata. Abbiamo davvero bisogno di pensare di più al virus della dengue perché è una vera minaccia per noi. 

Un vaccino per la dengue è stato approvato nel 2019 dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per l'uso nei bambini di età compresa tra 9 e 16 anni che vivono in aree in cui la dengue è comune, e con una storia confermata di infezione da virus. In alcuni paesi, un vaccino approvato è disponibile per i bambini di età compresa tra 9 e 45 anni, ma ancora una volta, i destinatari devono aver contratto un caso confermato di dengue in passato. Coloro che non hanno preso il virus prima potrebbero essere messi a rischio di sviluppare una grave dengue se somministrati con il ​​vaccino.

 

Rotavirus

virus Rotavirus

Sono ora disponibili due vaccini per proteggere i bambini dal rotavirus, la principale causa di gravi malattie diarroiche tra neonati e bambini piccoli. Il virus può diffondersi rapidamente, attraverso quella che i ricercatori chiamano la via fecale-orale (il che significa che piccole particelle di feci finiscono per essere consumate).

Sebbene i bambini nel mondo sviluppato raramente muoiano per infezione da rotavirus , la malattia resta un killer nel mondo in via di sviluppo, dove i trattamenti di reidratazione non sono ampiamente disponibili.

L'OMS stima che nel mondo 453.000 bambini di età inferiore ai 5 anni siano morti per infezione da rotavirus nel 2008. Ma i paesi che hanno introdotto il vaccino hanno riportato un forte calo dei ricoveri e dei decessi per rotavirus.

 

SARS-CoV

virus SARS-CoV

Il virus che causa la sindrome respiratoria acuta grave, o SARS, è apparso per la prima volta nel 2002 nella provincia del Guangdong, nel sud della Cina. Il virus probabilmente è emerso inizialmente nei pipistrelli, poi è saltato nei mammiferi notturni chiamati civette prima di infettare finalmente gli esseri umani. Dopo aver innescato un'epidemia in Cina, la SARS si è diffusa in 26 paesi in tutto il mondo, infettando più di 8000 persone e uccidendone più di 770 nel corso di due anni. 

La malattia provoca febbre, brividi e dolori muscolari e spesso progredisce in polmonite, una condizione grave in cui i polmoni si infiammano e si riempiono di pus. La SARS ha un tasso di mortalità stimato del 9,6% e, ad oggi, non ha alcun trattamento o vaccino approvato. Tuttavia, secondo il CDC , non sono stati segnalati nuovi casi di SARS dall'inizio degli anni 2000 . 

Potrebbe interessarti anche questo articolo correlato

 

SARS-CoV-2

virus SARS-CoV-2

SARS-CoV-2 appartiene alla stessa grande famiglia di virus come SARS-CoV, noti come coronavirus , ed è stato identificato per la prima volta nel dicembre 2019 nella città cinese di Wuhan. Il virus probabilmente ha avuto origine nei pipistrelli, come SARS-CoV, ed è passato attraverso un animale intermedio prima di infettare le persone. 

Dalla sua comparsa, il virus ha infettato decine di migliaia di persone in Cina e centinaia di migliaia di altre in tutto il mondo. L'epidemia in corso ha provocato un'ampia quarantena a Wuhan e nelle città vicine, restrizioni sui viaggi da e verso i paesi colpiti e uno sforzo mondiale per sviluppare diagnosi, trattamenti e vaccini.

La malattia causata da SARS-CoV-2, chiamata COVID-19, ha un tasso di mortalità stimato di circa il 2,3%. Le persone che sono più anziane o hanno condizioni di salute precarie, sembrano essere maggiormente a rischio di avere malattie gravi o complicazioni. I sintomi comuni includono febbre, tosse secca e mancanza di respiro e la malattia può progredire in polmonite nei casi gravi.

 

MERS-CoV

virus MERS-CoV 

Il virus che causa la sindrome respiratoria mediorientale, o MERS, ha scatenato un'epidemia in Arabia Saudita nel 2012 e un'altra in Corea del Sud nel 2015. Il virus MERS appartiene alla stessa famiglia di virus di SARS-CoV e SARS-CoV-2, e probabilmente anch'esso ha avuto origine nei pipistrelli. La malattia ha infettato i cammelli prima di passare agli esseri umani e provoca febbre, tosse e mancanza di respiro nelle persone infette. 

La MERS spesso progredisce verso una polmonite grave e ha un tasso di mortalità stimato tra il 30% e il 40%, rendendolo il più letale dei coronavirus conosciuti che sono passati dagli animali alle persone. Come con SARS-CoV e SARS-CoV-2, MERS non ha trattamenti o vaccini approvati. 

 


  

 

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo

Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online

Internet Accredited Business - Click For Ratings

 

 

nuove professioni digitali