Non è una vitamina, è stata chiamata ‘vitamina’ alla fine della prima guerra mondiale, ma non è una vitamina, ha una struttura che è stata scoperta negli anni '30 da un ricercatore tedesco, che ha dimostrato che la vitamina D possiede il potere e la struttura di un ormone Sfortunatamente, il nome non è stato cambiato, è ancora chiamata ‘vitamina’.

vitamin d

A quel tempo si pensava che fosse solo una sostanza che avrebbe agito promuovendo l'assorbimento del calcio dal cibo e il deposito di calcio nelle ossa, permettendo lo sviluppo delle ossa del bambino e prevenendo così la comparsa di rachitismo [che era endemico in Europa]. Tuttavia, nei decenni che seguirono, furono dimostrate diverse altre funzioni per la vitamina D. Ora è noto che non ci sono cellule nel nostro corpo che non subiscono l'azione della vitamina D - Dott. Cícero Galli Coimbra, neurologo, PhD -

Ultimamente se ne fa un gran parlare, anche tra medici , scienziati e letteratura scientifica, di un probabile effetto positivo contro gli esiti del coronavirus (covid-19), perchè potenzia (o meglio, regola) il funzionamento del sistema immunitario.

Cicero Coimbra MD, PhD è un neurologo e professore presso l'Università Federale di San Paolo, Brasile. Negli ultimi due decenni, ha creato un protocollo clinico per il trattamento delle malattie autoimmuni con il ristabilimento di adeguati livelli sistemici di vitamina D. Questo approccio terapeutico si basa su dosi di vitamina D che vanno da 40.000 UI a 300.000 UI al giorno;

si tratta quindi di un trattamento medico che deve essere sempre effettuato sotto la supervisione di un medico qualificato.

Nel 1991, il dottor Coimbra ha iniziato il suo programma di post dottorato presso l'Università di Lund, in Svezia, testando potenziali trattamenti per il danno cerebrale ischemico nei ratti. Come regola generale nel lavoro di ricerca, aveva bisogno di essere il più aggiornato possibile sulle ultime scoperte relative al suo campo di interesse, che era la neuroscienza clinica. Fu allora che si rese conto che gran parte dei progressi terapeutici raggiunti nella ricerca clinica e sperimentale non furono mai applicati alla pratica clinica. Nonostante la loro immediata applicabilità, queste pratiche non venivano insegnate nelle scuole di medicina, anche dopo diversi rapporti corroboranti. Attraverso le sue ricerche, basate sull'attuale letteratura medica, il dottor Coimbra è arrivato a credere che la vitamina D potesse essere una risorsa terapeutica fondamentale, poiché stimola la produzione di sostanze rigenerative nel cervello. Così, nel 2001, ha iniziato a somministrare vitamina D in dosi fisiologiche - 10.000 UI / giorno - a pazienti affetti da morbo di Parkinson. Una tale dose è la quantità che il nostro corpo produce se esposto per pochi minuti al sole. Un giorno, un paziente è tornato per un appuntamento di ritorno dopo 3 mesi di assunzione di 10.000 UI / giorno. Questo paziente soffriva anche di vitiligine, una malattia autoimmune, e il dottor Coimbra notò che una grossa lesione che l'uomo aveva avuto sul viso durante la visita precedente era appena visibile. La lesione era quasi scomparsa in pochi mesi dopo aver somministrato 10.000 UI al giorno. Il dottor Coimbra ha deciso di cercare nella letteratura medica gli effetti della vitamina D sul sistema immunitario e ha trovato un numero significativo di articoli pubblicati che supportano un importante ruolo immunoregolatorio di quella potente sostanza. Poiché la sclerosi multipla è la malattia autoimmune neurologica più comune, ha iniziato a prescrivere la vitamina D ai pazienti con SM. Quello fu l'inizio di quello che è attualmente noto come Protocollo di Coimbra. Con tali dosi, circa 10.000 UI / giorno, il Dr. Coimbra ha visto un notevole miglioramento clinico nella stragrande maggioranza dei suoi pazienti. Da quel momento in poi, le dosi sono state ulteriormente aumentate, sempre supportate da test di laboratorio per garantire che i pazienti non presentassero effetti collaterali. I risultati sono stati che molti di questi pazienti si sono trovati completamente liberi dai sintomi e dalle manifestazioni della malattia. Durante i successivi dieci anni, il dottor Coimbra e il suo staff modificarono e perfezionarono gradualmente il trattamento, soprattutto in termini di dosi giornaliere prescritte, che aumentavano costantemente. Dal 2012 in poi, è stato raggiunto il livello di efficacia desiderato e il Protocollo di Coimbra è diventato molto simile a quello che è oggi.

 

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo.

Cerca nel sito

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online

Internet Accredited Business - Click For Ratings