Complotto e negazionisti

Il nuovo coronavirus ha causato più di 1 milione di vite in tutto il mondo, ma è ancora visto da molti con sospetto

Lo scorso febbraio e solo un paio di mesi dopo la comparsa del nuovo coronavirus in Cina, il mondo si stava preparando ad affrontare un'altra sfida: l'abbondanza di false informazioni mediche e teorie del complotto che avrebbero mandato migliaia di persone nelle strade di tutto il mondo. Nonostante il mondo sia capovolto, c'è una percentuale di persone che crede che ci sia qualcosa dietro a tutto questo.

I negazionisti della realtà, forse per paura come sostengono alcuni esperti, preferiscono incolpare il virus, la sua origine e la diffusione su altri fattori.

"Le persone che credono in queste teorie di solito sono persone che tendono a essere diffidenti o hanno una tendenza paranoica."

"Inoltre, i cospirazionisti possono trarre vantaggio da tali situazioni a proprio vantaggio", ha detto all'Anadolu Agency lo psicologo clinico e psicoterapeuta Thomas Maliaroudakis.

"Questi individui rappresentano un rischio per la società, soprattutto durante una pandemia, poiché non sono disposti a seguire le misure suggerite dagli esperti e rischiano quindi la propria vita e quella delle persone che li circondano".

Potrebbe interressarti anche questo articolo

Alcune persone incolpano l'ex CEO di Microsoft Bill Gates , ora diventato filantropo, per la diffusione del coronavirus, sostenendo che mira a trarre profitto dal vaccino e inserire una sorta di microchip nelle persone, mentre altri dicono che è causato dalle reti telefoniche 5G o che è un arma biologica segreta dalla Cina. Tutte teorie complottistiche spesso paranoiche, quando non decisamente criminali.

Qualunque sia la ragione, tali teorie sono molte e sono proliferate rapidamente tra le persone e non sono sempre facili da sfatare. Queste teorie sono anche il motivo fondamentale per cui molte persone non seguono le misure che le autorità sanitarie hanno imposto.

Nel 2003, il politologo David J. Rothkopf durante lo scoppio della pandemia di SARS avvertì in un articolo per il Washington Post del pericolo di una "infodemia". Rothkopf ha descritto l'infodemia come "alcuni fatti mescolati con paura, speculazioni e dicerie amplificati e trasmessi rapidamente in tutto il mondo dalle moderne tecnologie dell'informazione".

Questa infodemia, che secondo i moderni dizionari deriva dalle parole "informazione" ed "epidemia", è spiegata come una quantità eccessiva di informazioni errate che circolano rapidamente e rende più difficile ottenere una soluzione. “quell’abbondanza di informazioni, alcune accurate e altre no, che rendono difficile per le persone trovare fonti affidabili quando ne hanno bisogno.”

"Credo che i negazionisti delle mascherine facciali neghino tutto, una categoria di persone che si oppongono a tutto senza offrire alcuna soluzione pratica", ha detto Paola, madre di due figli.

protesta no mask in spagna

Al giorno d'oggi, la sovrabbondanza di informazioni legate al COVID-19 si diffonde facilmente attraverso i social media e ha riunito i seguaci anti-vaccinazione e anti-maschera che tendono a credere e seguire queste teorie del complotto. Tristemente conosciuti ormai come no mask, no vax, no 5g.... ecc

"Le teorie e i miti del complotto hanno sempre avuto un certo fascino su molte persone nel corso della storia", ha detto Anadolu Yulie Foka-Kavalieraki, ricercatrice post-dottorato presso il Dipartimento di Storia e Filosofia della Scienza dell'Università di Atene, -"tuttavia, le teorie del complotto odierne legate alla pandemia sono diverse", "Si diffondono in modo esponenzialmente più veloce attraverso Internet e i social media e possono essere molto dannosi, poiché la fede in essi tende ad essere associata alla resistenza a seguire le raccomandazioni di salute pubblica, contribuendo così attivamente alla diffusione del virus stesso". Gli esperti di salute mettono continuamente in guardia sui pericoli che rappresentano questo tipo di voci indirette, che si diffondono online principalmente attraverso cospirazioni anti-vaccinazione e anti-maschera.

Lo specialista in malattie infettive Anthony Fauci, in una delle sue interviste, ha sottolineato la necessità di affrontare la disinformazione che aggrava gli effetti della pandemia. "Sono preoccupato per il movimento dei negazionisti della maschera". "È terribilmente pericoloso. Dobbiamo fornire le informazioni giuste, per convincere tutti". Ma molti genitori e anche giovani adolescenti ne rifiutano ancora l'uso.

In questi ultimi mesi del 2020, centinaia di persone hanno partecipato a manifestazioni in diverse città europee, compresa l'Italia, contro l'uso di maschere e dell'esistenza del virus stesso. Hanno intonato slogan contro tali misure, con alcuni che dicevano: "No alle maschere, è un'invenzione dei governi, ci vogliono manipolare, vogliono controllarci, il virus non esiste, è un'arma della Cina, è colpa del 5G, vogliono obbligarci ad un vaccino per eliminarci", e altri che affermano che l'uso di maschere può portare a intossicazione da CO2 o carenza di ossigeno.

Potrebbe interessarti anche questo

Sebbene in tutto il mondo siano stati registrati più di 1 milione di decessi correlati a COVID-19 e più di 43 milioni di casi, il problema è ancora visto con sospetto da molti. "Nella pandemia di coronavirus, abbiamo anche i negazionisti della sua esistenza". Molti di questi cospirazionisti insistono sulla teoria che il coronavirus che causa il covid-19, non sia altro che un comune raffreddore, ma ne viene ingigantita la pericolosità per oscuri scopi di controllo delle masse in tutto il mondo. In pratica mi viene da pensare come mai, da che mondo è mondo, tutti i popoli e i governi del mondo, per la prima e unica volta, a detta dei negazionisti, si sarebbero messi tutti d'accordo nel dire le stesse identiche cose su un fantasioso virus pericoloso, quando secondo loro, non dovrebbe esistere...

Maria, 38 anni, madre di due figli che ha preferito rimanere anonima, dichiarando solo il suo nome, ha detto: "I prodotti farmaceutici potrebbero essere dietro a tutto questo. Ci costringeranno a fare il vaccino dopo che sarà sviluppato e chissà quali potrebbero essere le implicazioni. "

Claire ha partecipato a una manifestazione di settembre nel centro di Parigi, dove la gente ha cantato slogan contro l'uso delle maschere.

Andrea, il padre di due ragazze, ha detto che ha paura che le sue due figlie usino le mascherine ed è preoccupato per la loro salute. Crede che le maschere non lasceranno respirare le sue figlie e saranno intossicate dall'eccessivo CO2.

COVID-19 è una sfida per la salute pubblica e gli esperti avvertono che l'importanza di misure come l'uso di maschere, l'allontanamento sociale e in seguito le vaccinazioni siano essenziali per tenerlo sotto controllo.

Pardali, medico greco: "Nel nostro Paese, le associazioni scientifiche ufficiali come la Hellenic Pediatric Society, la Hellenic Pediatric Pulmonary Society e le Associazioni professionali dei pediatri privati ​​hanno chiaramente sostenuto la necessità di utilizzare maschere per bambini, assicurando che non vi è motivo di preoccupazione per la sicurezza nel suo utilizzo ", 

Nonostante il fatto che le teorie del complotto manchino di prove a sostegno delle loro affermazioni, la loro popolarità ha avuto una portata globale in quanto sono facili da comprendere e accettare dalle masse e dai ceti più fragili.

No alle mascherine

"Le teorie del complotto offrono generosamente spiegazioni semplicistiche e super facili da digerire (anche se false) di situazioni ed eventi complicati". Gli esseri umani tendono a preferire la semplicità alla complessità. 

Dice la biologa e autrice di "Superquark": “Credo che il negazionista sia quasi sempre in buona fede. La scienziata spiega: “Ci sono alcune forme di demenza in cui i sensi comunicano al cervello informazioni false sul mondo esterno. E le zone del cervello che ricevono queste informazioni le inviano all’area di cervello che invece è incaricata del pensiero razionale. Questa zona del cervello fa tutti gli sforzi possibili per dare un senso a quelle informazioni, farle sembrare congruenti e renderle solide. Quindi, chi è affetto da questa malattia può essere convinto di trovarsi di fronte al suo peggiore nemico, quando magari ha di fronte una persona amata“. Il neuroscienziato Miller ha provato a spiegare il meccanismo mentale: forse interviene un processo mentale che non è tanto dissimile da quello che accade in certe forme di demenza“.

E aggiunge: “Secondo Miller, quando ci convinciamo di un’idea falsa, quello che succede è che il nostro cervello riceve delle informazioni infondate, cioè le comunica alla parte del cervello deputata al pensiero razionale e questa le confeziona in modo che siano convincenti. La domanda è: chi instilla nella nostra mente questi pensieri senza senso? Nel caso della demenza sono i sensi che danno delle informazioni errate. Nel caso del negazionismo, tutto parte dalla nostra incapacità di distinguere tra una informazione infondata e un’altra fondata.

Gli esperti ritengono che le crisi sociali come le pandemie continueranno ad apparire nel tempo e quindi le teorie del complotto troveranno sempre un modo per mettere radici e crescere, poiché la paura, l'incertezza e la perdita di controllo attiveranno questi pensieri.

condividi qui sotto l'articolo se ti è piaciuto

Cerca nel sito

Abbiamo 19 visitatori e nessun utente online

Internet Accredited Business - Click For Ratings

 

 

nuove professioni digitali