Uno scienziato norvegese sostiene che il Coronavirus sia stato creato in laboratorio, dunque la pandemia non avrebbe affatto un’origine naturale. La ricerca, pubblicata sul Quarterly Review of Biophysics, vede coinvolti esperti dal Regno Unito e dalla Norvegia, con il supporto dell’ex presidente dell’MI6 britannico Sir Richard Dearlove.

Coronavirus: creato in laboratorio secondo scienziati norvegesi

Coronavirus creato in laboratorio: lo studio

Birger Sørensen e il professor Angus Dalgleish dimostrano che la proteina Spike contenuta nel Coronavirus presenta al suo interno sequenze che sembrerebbero inserite artificialmente.

Sottolineano inoltre la mancanza di mutazioni dalla sua scoperta, fatto che suggerirebbe il suo precedente adattamento all’essere umano.

Sørensen ha dichiarato alla testata giornalistica NRK che il Covid-19 ha caratteristiche enormemente differenti dalla SARS, mai scoperte in natura. Secondo lo scienziato, Cina e Stati Uniti hanno collaborato per diversi anni nella ricerca dei coronavirus, di cui appunto la malattia fa parte. “Entrambi i Paesi hanno partecipato a studi in cui la patogenicità, o trasmissibilità, di potenziali agenti pandemici può essere potenziata per poterli comprendere al meglio”, ha affermato.

Il complottismo di Montagnier

Si tratta di dichiarazioni davvero scottanti, che sosterrebbero così la teoria di Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina e scienziato francese. Ad oggi, infatti, tale ipotesi viene reputata estremamente complottista e infondata, tanto che le stesse Oms e Iss l’hanno respinta.

Secondo Montagier, il Coronavirus sarebbe “sfuggito” da un laboratorio di Wuhan mentre si stavano svolgendo esperimenti circa un vaccino per l’Aids. “Un lavoro da apprendisti stregoni”ha dichiarato, “Non bisogna dimenticare che siamo nel mondo della natura, ci sono degli equilibri da rispettare”.


 

Abbiamo 153 visitatori e online

Internet Accredited Business - Click For Ratings

 

 

nuove professioni digitali