Nel tentativo di dare priorità ai rapporti originali, Facebook sta aggiornando il modo in cui classifica le notizie nel suo feed di notizie. A partire dal 30 giugno 2020, Facebook utilizzerà l'intelligenza artificiale per analizzare gruppi di articoli su un determinato argomento e dare priorità a quelli citati più spesso come fonte originale. Declasserà nel contempo gli articoli senza sottotitoli.

"La maggior parte delle notizie che le persone vedono nel feed delle notizie provengono da fonti che loro o i loro amici seguono e che non cambieranno. Quando più articoli vengono condivisi dagli editori e sono disponibili nel feed delle notizie di una persona (dice jl vice presidente di Facebook), aumenteremo quello più originale che lo aiuterà a ottenere una maggiore distribuzione ”.

Per individuare la fonte originale delle notizie la piattaforma social si affiderà alla potenzialità dell’intelligenza artificiale, delegando agli algoritmi il compito di ritrovare il sito o il post che per primo si è occupato di un dato argomento o notizia. Il fine ultimo è quella di favorire in tale maniera la consultazione di articoli e news il più possibile obiettiei e autorevoli, penalizzando le notizie dai contenuti ed opinioni distorte.

Probabilmente neanche gli editori vedranno cambiamenti significativi nel traffico, afferma Facebook. Per ora, questi cambiamenti si applicano solo alle storie scritte in inglese, ma Facebook espanderà a breve l'approccio ad altre lingue.

"Abbiamo scoperto che gli editori che non includono queste informazioni spesso mancano di credibilità all'utenza.

Aziende come Facebook, Google e Apple stanno ancora cercando i modi migliori per lavorare con editori di notizie e promuovere il giornalismo di qualità. C'è ancora più pressione per ottenerlo in questo momento, con le elezioni del 2020 che si avvicinano, e un maggiore controllo ( ed eventualmente boicottaggio ) sul modo in cui Facebook gestisce i post di politici , disinformazione e discorsi di odio.

Facebook non è l'unica azienda tecnologica che sta apportando modifiche. 

Ieri, Google ha annunciato che sta collaborando con gli editori regionali per condividere notizie locali relative a COVID-19 e il New York Times ha tratto le sue storie dall'app Apple News . Google ha anche recentemente investito $ 6,5 milioni per combattere la disinformazione del coronavirus.


 

Cerca nel sito

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

Internet Accredited Business - Click For Ratings

 

 

nuove professioni digitali