L'AN-225: come la guerra fredda ha creato l'aereo più grande del mondo

AN-225

Il primo volo in aereo a motore, eseguito dai fratelli Wright sulla spiaggia spazzata dal vento del Kitty Hawk della Carolina del Nord nel 1903, copriva 36,5 metri. Quel volo storico si adatterebbe completamente alla stiva dell'Antonov AN-225 Mriya, il più grande aereo pienamente operativo del mondo.

Alimentato da sei motori turbofan e con un'apertura alare quasi della lunghezza di un campo da calcio, questo gentile gigante dei cieli può trasportare carichi più grandi e pesanti di qualsiasi altro aereo ed è unico nel mondo dell'aviazione.

Un favorito degli osservatori di aerei in tutto il mondo, l'AN-225 attira una folla ogni volta che visita un aeroporto durante uno dei suoi rari e spesso spettacolari lavori di sollevamento di carichi pesanti.

AN-225
 

Spettatori dell'AN-225 Mriya dal ponte di osservazione all'aeroporto internazionale di Perth.

L'esperta sovietica di aviazione, professore di ingegneria alla Buffalo State University ha detto: "E' magnifico durante il decollo e l'atterraggio e sembra navigare lentamente in aria, a causa delle sue enormi dimensioni",  "Può essere facilmente fotografato con qualsiasi tipo di fotocamera e sembra davvero impressionante da qualsiasi angolazione. E' veramente una meraviglia ingegneristica".

Di recente, l'aereo è stato utilizzato nello sforzo di soccorso di Covid-19 per trasportare carichi record di dispositivi di protezione. Ma la sua missione originale era molto diversa: nato dalla Guerra Fredda, l'AN-225 era stato progettato per far parte del programma spaziale sovietico.

Un sogno volante

AN-225

L'AN-225 è stato concepito per trasportare navette spaziali sovietiche.

Una nuova era nell'esplorazione dello spazio iniziò nell'aprile del 1981, quando il primo Space Shuttle venne lanciato in orbita dal Kennedy Space Center della NASA in Florida. La sua grande stiva era una caratteristica di design voluta dal Pentagono, che avrebbe utilizato lo Shuttle per una manciata di missioni  per mandare in orbita i satelliti militari. L'URSS percepiva questa capacità come una minaccia e desiderava un veicolo che potesse fare lo stesso.

Il risultato fu il Buran ("Blizzard" in russo), una navetta sovietica che assomigliava notevolmente alla sua controparte americana, compreso il colore bianco e nero.

Ma che si trattasse di un clone, o semplicemente di una necessità vincolata dalle leggi dell'aerodinamica, il Buran - insieme al suo razzo vettore, Energiya - presentava un problema logistico: come trasportare il veicolo spaziale dagli impianti di produzione intorno a Mosca al  Cosmodromo Baikonur, a 1.300 miglia di distanza nell'odierno Kazakistan meridionale, da cui sono partite le missioni spaziali sovietiche.

Buran 

La navetta Buran dell'Unione Sovietica sembrava simile alla sua controparte statunitense.

Invece di costruire una nuova autostrada senza pedaggio attraverso fiumi e montagne, gli ingegneri sovietici chiesero all'Antonov Design Bureau di Kiev di creare un nuovo aereo da trasporto in grado di sollevare la navetta e il suo razzo. Sarebbe stato poi anche usato per riportare il Buran a Baikonur ogni volta che fosse atterrato in un sito di backup piuttosto che nel Cosmodromo al ritorno dall'orbita.

Antonov lo basava su un modello esistente, l'AN-124 Ruslan (che significa "Condor"), già di per sé un aereo molto grande, più grande del Boeing 747-400.


Le dimensioni complessive sono state aumentate in modo significativo, con l'obiettivo di raddoppiare la capacità di carico. Tra gli aggiornamenti visibili c'erano una coppia in più di motori, portando il totale a sei, e un carrello più lungo, che aumentò incredibilmente il numero di ruote: 32! Fu aggiunta anche una nuova coda doppia con uno stabilizzatore verticale sovradimensionato per consentire all'aereo di portare il Buran sulla "schiena".

Il colosso risultante, così grande da sporgere dal suo hangar durante la cerimonia di inaugurazione, fu battezzato AN-225 Mriya.

"Mriya è un termine ucraino che significa "sogno". Grinberg disse che fu il primo aereo sovietico ad essere battezzato con un nome ucraino. 

Buran sull' AN-225

L'AN-225 che trasportava la navetta spaziale Buran era la star dello show aereo di Parigi del 1989.

L'Antonov Design Bureau ha lavorato rapidamente per produrre l'aereo finito in soli tre anni e mezzo, ma non riusciva ancora a tenere il passo con lo sviluppo di Buran, quindi è stata scelta una soluzione provvisoria: adattare una flotta di vecchi bombardieri 3M-T per trasportare il veicolo spaziale non assemblato.

Quando l'AN-225 fu finalmente pronto, volarono insieme per la prima volta sia il Buran che l'AN-225  alla fine del 1988, un anno prima della caduta del muro di Berlino, che prefigurò il crollo del Unione Sovietica.

In conseguenza di tale avvenimento, il programma Buran è stato annullato (dopo una sola missione ufficiale) e l'AN-225 ha finito per trasportare lo Shuttle stile piggyback  solo in una dozzina di voli di prova.

L'accoppiata ha rubato la scena a tutti quando è apparso al Paris Air Show del 1989, ma la sua missione principale oramai era svanita. Venne effettuata una proposta stravagante di trasformarlo in un hotel volante, con suite e piscine e lo spazio per 1.500 ospiti, ma mai realizzata, e l'AN-225 finì in un hangar dove spogliato delle componenti per finire nella ruggine per sette anni.

Una nuova vita

Ruote dell'AN-225 

Quante ruote? Il carrello di atterraggio dell'AN-225.

Nel 2001, l'AN-225 è stato rispolverato, completamente aggiornato con attrezzature moderne e rimesso in servizio.

Nello stesso anno ha stabilito 124 record mondiali, secondo Antonov, compresi quelli per capacità di carico, altitudine di volo con carico e sollevamento di merci da record in altitudine.

Grinber disse: "Questo è accaduto il giorno della tragedia dell'11 settembre 2001, e quindi tutti questi dettagli sono passati inosservati". "Quel giorno, cinque carri armati, ciascuno del peso di 50 tonnellate, servicrono da carico di controllo. 

L'aereo è stato resuscitato perché Antonov Airlines, una divisione della compagnia Antonov che opera intorno a una dozzina di aerei da trasporto pesanti, stava ricevendo ordini sulle consegne di merci che andavano oltre le capacità dell'AN-124, noto come "fratellino dell'AN-225". "

"Abbiamo capito rapidamente che c'era una crescente domanda di carichi di grandi dimensioni o estremamente pesanti", ha affermato Vitaliy Shost, vicedirettore senior di Antonov Airlines, "l'AN-225 è in grado di ospitare fino a 950 metri cubi di carico, rispetto ai 750 per l'AN-124 e 650 per un Boeing 747.

AN-225 in volo

L'AN-225 ha stabilito numerosi record mondiali.

Tale capacità consentirebbe all'AN-225 di trasportare fino a 16 container o 80 auto familiari. La stiva ha anche un pavimento in titanio per una maggiore resistenza e un proprio sistema di gru per caricare le merci in modo efficiente. Il carico utile massimo è di 250 tonnellate, raggiunto nel 2001 durante il trasporto dei cinque carri armati. Il record per il pezzo più pesante mai trasportato in aereo fu raggiunto dall'An-225 nel 2009, quando un generatore fu trasportato dalla Germania in Armenia. Pesava 187 tonnellate.

L'aereo stabilì altri record come l'oggetto da carico più lungo nella storia del trasporto - due turbine eoliche di 41 mt ciascuna, consegnate dalla Cina alla Danimarca - e conquistò un record da Guinness dei primati tenendo una mostra d'arte di 500 dipinti di 120 Artisti ucraini ad un'altitudine di 10 km.

L'AN-225 ha anche trasportato turbine ad acqua, combustibile nucleare, veicoli da costruzione, aerei leggeri e treni a levitazione magnetica. I generatori elettrici sono il tipo di carico più comune.

Stiva dell'AN-225 aperta

I membri dell'equipaggio in tute protettive si trovano all'interno di un aereo cargo Antonov An-225 Mriya durante una consegna di maschere protettive dalla Cina.

Nell'aprile 2020, l'AN-225 ha segnato un altro record trasportando 100 tonnellate di equipaggiamento protettivo Covid-19, medicine e test da Tianjin, Cina, a Varsavia, Polonia (con una sosta di rifornimento in Kazakistan). Lo sbarco in Polonia è stato trasmesso in streaming ad un pubblico di 80.000 persone, secondo Antonov.

"Non ci aspettavamo che l'aereo fosse coinvolto in questo business, perché i DPI imballati in scatole non sono il tipo di carico standard per l'An-225, ma a causa della mancanza di disponibilità di trasporti alternativi, i nostri clienti ce lo hanno richiesto". "Per due mesi e mezzo abbiamo effettuato 10 voli dalla Cina verso diversi punti del mondo."

Il secondo AN-225

AN-225 il gemello

C'è un secondo, incompiuto Antonov An-255 che languisce in una fabbrica di Kiev.

L'AN-225 non vola con parsimonia. Il suo alto costo operativo - utilizza oltre 20 tonnellate di carburante all'ora secondo Shost, pari a € 5700 ai prezzi correnti - lo limita ai lavori più impegnativi.

"L'anno scorso l'aereo ha effettuato circa 20 voli. Nel 2020 siamo già a 10 voli e ne prevediamo altri 10 entro la fine dell'anno", ha aggiunto Shost.

Ciò significa che la domanda attuale è gestita facilmente dal solitario AN-225 esistente. Nonostante Antonov abbia tutte le parti necessarie per costruirne un secondo nel suo magazzino , non ha intenzione di farlo a breve. La Cina una volta ha espresso il desiderio di acquistare le parti e costruire l'aereo, ma a causa della complicata logistica del trasporto all'estero, il piano non si è mai concretizzato.

Il fatto che l'AN-225 sia unico nel suo genere, tuttavia, si aggiunge alla sua mistica.

"Questo aereo è il nostro orgoglio e la nostra gioia, un biglietto da visita per la compagnia Antonov e la stessa Ucraina", ha detto Shost. "L'ho visto per la prima volta quando ero uno scolaretto e ne sono rimasto così colpito, non riuscivo a credere che potesse davvero volare. Ora mi assicuro che lo faccia."

Antonov aggiorna costantemente l'AN-225 per tenere il passo con le normative e i requisiti di volo internazionali e la compagnia afferma che l'aereo sarà in servizio per almeno altri 25 anni. Questa è una buona notizia per gli appassionati di aviazione e gli osservatori dell'aereo, che si presentano a frotte ad ogni sua apparizione.


"Questo aereo è classificato 10/10 nella lista dei sogni di qualunque spotter,", ha detto Casey Groulx, uno spotter dell'aereo canadese che ha fotografato l'An-225 quando è atterrato a Toronto alla fine di maggio per consegnare l'equipaggiamento di soccorso Covid-19.
"È stato un sogno assoluto diventato realtà dato che avevo sempre desiderato vedere questo incredibile aereo. C'erano molti altri osservatori. Era davvero speciale avere la sensazione di aver visto l'aereo più grande del mondo."
Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo

Internet Accredited Business - Click For Ratings

 

 

nuove professioni digitali