La nuova pandemia di SARS-CoV-2 ha travolto il mondo con la sua elevata contagiosità e gamma di gravità, presentandosi da infezione asintomatica o sintomi lievi a sindrome respiratoria acuta grave con grave morbilità e mortalità. Si ritiene che la mancanza di immunità preesistente sia una delle ragioni della dilagante diffusione del virus.

La durata e la natura delle risposte immunitarie all'infezione da SARS-CoV-2 non sono ancora completamente comprese. Molte risposte della salute pubblica ai focolai di COVID-19 si basano sul presupposto che l'infezione si tradurrà in una risposta immunitaria protettiva di durata indefinita. Tuttavia, i correlati dell'immunità a SARS-CoV-2 possono essere complicati dall'esistenza di una memoria immunologica preesistente ad altri coronavirus umani. Oltre a SARS-CoV-2, sono noti sei coronavirus umani (hCoVs): quattro coronavirus stagionali (hCoV-229E, -NL63, -HKU1 e -OC43) che causano lievi malattie delle vie respiratorie superiori ei due virus scoperti più di recente , SARS-CoV-1 e MERS-CoV, originati da recenti eventi zoonotici. Si presume generalmente che gli esseri umani siano immunologicamente ingenui contro SARS-CoV-2 e mostrerebbero una risposta immunitaria primaria all'infezione; tuttavia, questa potrebbe essere una semplificazione eccessiva. Dovrebbe essere considerata la possibilità che i coronavirus endemici possano influenzare le dinamiche dell'infezione da SARS-CoV-2 in un modo visto tra le altre infezioni endemiche e l'emergere di nuove varianti o virus.

https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fimmu.2020.567710/full

 

Come un'influenza aggrava il covid-19

Cerca nel sito

Abbiamo 38 visitatori e nessun utente online

Internet Accredited Business - Click For Ratings

 

 

nuove professioni digitali