Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Raid

RAID vs NAS: come si differenziano e si sovrappongono


RAID e NAS sono due delle tecnologie più utilizzate nel campo dell'archiviazione dei dati. Sebbene RAID e NAS si sovrappongano in molti casi, sono diversi in altri fondamentali.

In che modo le configurazioni RAID e i sistemi NAS differiscono


Cominciamo dall'inizio: diamo un'occhiata a come RAID e NAS si confrontano nel panorama dell'archiviazione dei dati.

 

Spiegazione RAID

RAID , abbreviazione di array ridondanti di dischi indipendenti, è un metodo per migliorare le prestazioni del disco, aumentare la capacità di archiviazione e migliorare la tolleranza agli errori, a seconda del livello RAID scelto.

RAID consente di salvare gli stessi dati su più dischi mentre appare ancora come una singola unità logica utilizzando hardware o software specializzato chiamato controller RAID. I livelli RAID, che sono indicati da un numero, determinano le caratteristiche delle prestazioni di una determinata configurazione e la quantità o la scarsa protezione dei dati che offrono.

Livelli RAID

Nel livello RAID 0 (zero), chiamato anche striping dei dati, i dati a livello di blocco vengono semplicemente distribuiti ma non copiati su più unità, migliorando le prestazioni e la capacità di archiviazione, ma non offrendo una protezione avanzata. Se una o più unità di questa configurazione falliscono, tutti i dati vengono persi.

RAID 1, d'altra parte, offre una rete di sicurezza sotto forma di ridondanza dei dati. Rispecchiando il contenuto di un'unità su un'altra, RAID 1 garantisce che i dati rimangano disponibili nel caso in cui una delle unità in questa configurazione incontri una fine prematura.

Inutile dire che, in qualsiasi discussione su RAID 0 rispetto a RAID 1, è importante tenere a mente queste differenze.

Altre configurazioni RAID aggiungono i loro vantaggi. Ad esempio, la famosa configurazione RAID 5, utilizza tre o più unità per memorizzare dati e informazioni di ripristino, denominate parità tra le unità. Se un disco si guasta, i dischi rimanenti possono mantenere l'array in funzione fino alla sua sostituzione e viene quindi ricostruito.

Qui abbiamo un'ulteriore analisi dei livelli di archiviazione RAID .

 

Spiegazione NAS

NAS è l'acronimo di Network Attached Storage (Memoria collegata in rete) . Utilizzato da aziende grandi e piccole, nonché in ambienti SOHO (piccoli uffici, home office) e da professionisti creativi e altri appassionati, NAS consente agli utenti di archiviare i propri file su un'appliance o un array di archiviazione centralizzati.

Questi dispositivi sono accessibili su una rete utilizzando una connessione Ethernet e protocolli di file come NFS (Network File System) o SMB / CIFS (Server Message Block / Common Internet File System). Spesso contengono unità NAS di livello aziendale, dischi rigidi progettati per resistere all'operatività quotidiana tutto il giorno e forniscono prestazioni complessive migliori rispetto alle controparti desktop.

Alcune CPU  sono abbastanza potenti da consentire loro di eseguire applicazioni, software di sicurezza o utilizzare doppi servizi come server di posta e multimediali. Altri consentono l'accesso remoto, consentendo agli utenti di accedere a file su PC, telefoni o tablet su Internet.

Il NAS è un modo popolare di creare condivisioni di file di rete all'interno di un'organizzazione, in cui i dipendenti spesso collaborano sugli stessi file o richiedono l'accesso a record, documenti e altre forme di informazioni aziendali. Può anche essere utilizzato per mantenere un backup dei file nel caso in cui un'unità locale emetta e consolidi le librerie multimediali, o altri casi in cui è utile memorizzare e scambiare file su una rete locale.


 

Ci sono molti fattori di cui tener conto nella scelta della giusta soluzione NAS. Includono prestazioni di lettura / scrittura su una rete, il numero di utenti supportati, affidabilità, capacità, scalabilità, protezione dei dati e altro ancora.

In conclusione, la pianificazione dell'acquisto si deve concentrare nella scelta del dispositivo NAS che funziona meglio per il tuo business.

 

Dove NAS e RAID si sovrappongono

Ora arriva la parte interessante.

Alcuni dispositivi NAS di piccole e grandi dimensioni sono dotati di supporto RAID. In genere, più il sistema NAS è di fascia alta, più è facile avere opzioni di configurazione RAID disponibili.

I dispositivi progettati per uso domestico o aziendale, possono essere commercializzati in modalità preconfigurata o in modalità di consentire agli utenti di scegliere tra un numero limitato di livelli RAID. I sistemi di fascia alta per le organizzazioni più grandi, come Dell EMC, HPE e NetApp, offrono una miriade di opzioni RAID che gli amministratori di storage possono utilizzare per soddisfare i requisiti di capacità di archiviazione dei file, prestazioni e protezione dei dati.

Ad esempio, un'appliance NAS aziendale con una configurazione RAID 5 spesso consente agli utenti di utilizzare le unità hot swap. Le unità hot swappable consentono agli operatori IT di rimuovere un'unità guasta e sostituirla con una nuova utilizzando enclosure di unità speciali senza dover spegnere il sistema. Questo è utile in ambienti in cui l'appliance NAS ha uno scopo mission-critical e il downtime non è un'opzione.


 

Come accennato in precedenza, NAS e RAID sono tecnologie separate, quindi non è necessario sceglierne una rispetto all'altra. Funzionano bene insieme o completamente separate, in molti casi.

Gli utenti domestici possono creare una configurazione RAID nei propri PC desktop con i componenti giusti, senza l'utilizzo di sistemi NAS separati. 

Come il RAID, questa modalità può presentare più dischi come una singola unità logica, meno le capacità di archiviazione ridondanti del RAID. Un vantaggio di questo approccio è che JBOD supporta dischi di varie dimensioni.

Ad esempio, una configurazione JBOD a tre dischi con unità da 1TB, 2TB e 4TB avrà una capacità totale di 7 TB. Nelle configurazioni RAID, è generalmente preferibile utilizzare dischi della stessa dimensione per massimizzare la quantità di capacità disponibile ed evitare di essere ostacolati dalle unità più piccole. 

Prestazioni NAS e RAID

In una soluzione NAS, le sue caratteristiche prestazionali sono misurate dai componenti che lo compongono. Naturalmente, tutti vogliono i migliori risultati, quindi considera quanto segue quando acquisti un sistema NAS che soddisfi i tuoi obiettivi di rendimento.

CPU: i dispositivi NAS per uso domestico avranno processori di fascia bassa, mentre i sistemi NAS aziendali sono spesso alimentati da processori di livello server come la linea Intel di CPU Xeon.
RAM: Ancora una volta, i sistemi NAS domestici e per piccoli uffici possono far fronte a limitate quantità di RAM mentre i sistemi di fascia alta possono offrire agli utenti dozzine di gigabyte di memoria per velocizzare le operazioni sui file.
Dischi: come accennato in precedenza, optando per l'azienda, le unità di classe NAS garantiranno prestazioni rapide e affidabili con RPM più elevati, che a loro volta offrono migliori velocità di lettura / scrittura e migliori velocità di trasmissione. Per il massimo delle prestazioni, alcuni produttori come Dell EMC e Synology offrono array NAS all-flash dotati di SSD veloci (unità a stato solido).
In una configurazione RAID, le caratteristiche delle prestazioni sono regolate dalla qualità e dal tipo di dischi rigidi utilizzati, dal tipo di controller RAID e dal livello RAID selezionato. Un'implementazione RAID 0 fornirà velocità di lettura e scrittura veloci. RAID 5 fornirà buone velocità di lettura mentre le velocità di scrittura soffriranno un pò perché l'array RAID deve memorizzare e gestire le informazioni di parità per fornire tolleranza d'errore.

RAID o NAS, Perché non entrambi?

Se è necessario fornire agli utenti l'accesso condiviso ai file, un NAS in configurazione RAID è un modo ragionevole per garantire che i guasti del disco rigido non mettano a rischio i dati, a parte l'impostazione RAID 0, naturalmente. È praticamente obbligatorio in ambienti di archiviazione condivisi di grandi dimensioni.

Se stai cercando un modo economico e poco impegnativo per condividere file in un piccolo ufficio o gruppo di lavoro, e non ti interessa la prospettiva di poter perdere dati, RAID è opzionale sul NAS, tecnicamente parlando.

Poiché i guasti del disco rigido sono sempre una evenienza tutt'altro che impossibile, sia che si tratti di un errore tecnico, di uno sbalzo di tensione o di un collega maldestro, pochi esperti di archiviazione consigliano di seguire questa strada e di perdere preziosi dati aziendali. Per lo meno, investire in soluzioni di backup e ripristino automatizzate come rete di sicurezza.

 

Non sei interessato alla condivisione di file?

RAID funziona anche su workstation o dispositivi DAS (direct-attached storage) per utenti che cercano prestazioni migliorate o ridondanza dei dati. Ovviamente, RAID funziona anche negli array SAN (storage area network), per quelle organizzazioni che hanno bisogno di archiviare database basati su blocchi e dati applicativi su una rete.

Internet Accredited Business - Click For Ratings

alexa



nuove professioni digitali